PCTO

Muovi i primi passi nel mondo del lavoro, per comprenderne dinamiche e azioni, in Italia o all'estero.

Cos'è

Con il termine PCTO si intendono i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, ossia l’ex alternanza scuola-lavoro.

All’apparenza, l’unica novità del PCTO sembrerebbe il nome, ma in realtà non è così. Ecco quali sono le differenze più importanti con quella che fino a qualche tempo fa veniva definita alternanza scuola-lavoro:

  • Il monte ore:
    il numero di ore che gli studenti devono svolgere nel corso degli ultimi tre anni del loro corso di studi prima dell’Esame di Sato è stato pressoché dimezzato. Dunque la durata delle esperienze ha subìto una contrazione significativa, e questo ha portato le scuole a riadattare l’approccio ai progetti e al metodo di lavoro.
    Attualmente il numero di ore previsto per il nostro Istituto è 230 al posto delle precedenti 400.
  • Qual è lo scopo dei PCTO?
    La riduzione del monte ore e delle risorse a disposizione degli istituti devono essere inquadrate nella volontà del Ministero dell’Istruzione di cambiare la natura dell’alternanza, pur riconoscendone il valore innovativo e disciplinare.

    Se prima, infatti, le finalità dell’alternanza scuola-lavoro erano quelle di integrare con esperienze lavorative pratiche le conoscenze acquisite in aula, avvicinare la scuola al mondo del lavoro e responsabilizzare gli studenti sugli obblighi lavorativi, lo scopo del PCTO è quello di dare agli studenti la possibilità di sviluppare competenze interdisciplinari, a prescindere dal tipo di esperienza, affinché essi possano imparare a conoscersi, capire qual è il ramo lavorativo più adatto alle loro attitudini e fare così una scelta più consapevole quando si tratterà di iniziare una carriera o scegliere l’università in cui continuare il percorso di studi.

    Tale cambiamento concettuale è di importanza centrale nel ruolo che questo tipo di esperienza ha nella carriera scolastica dello studente.

  • Differenze organizzative:
    a differenza dell’alternanza scuola-lavoro, i PCTO privilegiano l’organizzazione delle esperienze per classe intera, con obiettivi prefissati raggiungibili tramite le esperienze di tirocinio lavorativo.

    Spetta ai tutor scolastici occuparsi dell’organizzazione del progetto o dell’individuazione di partner che curino tale aspetto.

L’I.P.S.S.E.O.A. “M. Buonarroti” di Fiuggi organizza attività e formazione di PCTO sia in Italia che all’estero. In Italia, numerose sono le strutture di prestigio che ospitano i nostri ragazzi per esperienze professionali e formative. Da quest’anno, in loco, la scuola ha attivato anche un protocollo di intesa con il raffinato palazzo signorile del Grand Hotel Palazzo della Fonte, poco distante dalla sede principale dell’istituto.

Le competenze acquisite durante il PCTO costituiscono comunque credito sia ai fini della prosecuzione del percorso scolastico o formativo per il conseguimento del diploma o della qualifica, sia per gli eventuali passaggi tra i sistemi, ivi compresa l’eventuale transizione nei percorsi di apprendistato. Al termine del percorso, quindi, vengono rilasciati attestati di frequenza, certificati di competenze e crediti.

A cosa serve

Il PCTO permette in modo tangibile di provare ad affacciarsi al mondo del lavoro, vivendo una vera e propria esperienza lavorativa in strutture reali con clienti veri, mettendo in pratica ciò che si è imparato negli anni e imparando a gestire situazioni nuove che a scuola non possono avere modo di esistere.

Come si accede al servizio

Per iscriverti al PCTO scarica i moduli nella sezione documenti, riempili e consegnali in segreteria. (I moduli saranno disponibili a breve)

Contatti